Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Mercoledì, 21 Agosto 2019
itenfrdees

Gli ultimi due in ordine di tempo sono stati Demetrio Lo Giudice (indicato dalla DDA di Reggio Calabria come boss vicino al clan Tegano) e Angelo Tutino, nipote di Peppino Pesce detto ‘Unghia’. Ma la lista delle querele negli ultimi quattro anni nei riguardi del giornalista e massmediologo Klaus Davi, difeso dall’avvocato Francesco De Luca del foro di Vibo Valentia, da parte di soggetti contigui alla mafia calabrese è molto lunga. Alcune sono state presentate in sede penale, altre in forma di risarcimento civile. Vi spiccano brand della ‘ndrangheta come quello di Giovanni Tegano, Pietro Labate, Rosa Errigo De Stefano, Mimmo Foti, Diego ed Emanuele Mancuso, Rosa Crea, Giuseppina Rodà e molti altri disseminati per la penisola.

Posted On Lunedì, 22 Luglio 2019 19:51

Alle 22.17 italiane del 20 luglio 1969 l'Apollo 11 portava a termine la prima parte della missione: il modulo lunare toccava il suolo e alle 4.56 il comandante Neil Armstrong diventava il primo uomo a toccare il suolo lunare. Lo seguì a breve il collega Buzz Aldrin, mentre Mike Collins è rimasto in orbita ad aspettare i colleghi per riportarli a Terra. Quella missione memorabile, durata 21 ore e 36 minuti, ha riportato a Terra le prime rocce lunari, quasi 22 chilogrammi, le prime di una lunga serie che per decenni ha impegnato moltissimi ricercatori, anche italiani. Nel tempo quelle rocce hanno raccontato la storia del nostro satellite, nato dall'impatto catastrofico della Terra con un pianeta delle dimensioni di Marte chiamato Theia.

Posted On Sabato, 20 Luglio 2019 09:38

"Quel pomeriggio mi ritrovai in pochi istanti all'inferno. Sono trascorsi 27 anni da quel maledetto giorno ma ancora il dolore e l'angoscia non passano. Sono lì, sempre presenti. E in questo periodo ancora di più. Ancora oggi quell'inferno lo porto sempre addosso". Antonino Vullo parla con la voce strozzata. L'unico agente di scorta di Paolo Borsellino sopravvissuto alla strage di Via D'Amelio non ama ricordare quei momenti. Fa fatica, deglutisce più volte. Poi, lo sguardo si allontana e va indietro nel tempo. "Non c'è giorno, non c'è notte in cui io non pensi a quel caldo pomeriggio, quando mi ritrovai all'inferno", racconta in una intervista concessa all'agenzia Adnkronos alla vigilia del 27esimo anniversario della strage.

Posted On Venerdì, 19 Luglio 2019 10:36

Negli ultimi tempi la trasformazione in atto della politica italiana con l'avvio della cosiddetta Terza Repubblica che vede protagonisti il Governo a trazione giallo - verde con l'accordo di programma fra Lega e Movimento 5 Stelle ha rilanciato, per alcuni versi per lo più polemici, la "Questione meridionale" che negli ultimi anni era stata dimenticata ed esclusa nei fatti dai governi precedenti.

Posted On Mercoledì, 17 Luglio 2019 17:27
Pagina 1 di 18

Search

« August 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

Rubriche