Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Venerdì, 22 Marzo 2019
itenfrdees

È morto il pionere della lotta all'Aids Fernando Aiuti. Chi era

Posted On Giovedì, 10 Gennaio 2019 10:20
Fernando Aiuti Fernando Aiuti

È morto l'immunologo Fernando Aiuti, pioniere della ricerca e della lotta contro l'Aids. Era ricoverato al Policlinico Agostino Gemelli di Roma. La Procura di Roma ha aperto un fascicolo sulla morte del'immunologo Fernando Aiuti in cui non si esclude l'ipotesi del suicidio. Una caduta di oltre dieci metri nella tromba delle scale adiacenti al reparto di medicina generale del policlinico Gemelli. Il corpo del professore Fernando Aiuti è stato trovato intorno alle 11 di ieri, mercoledì 9 gennaio, riverso sul pavimento dopo una caduta dal quarto piano del reparto dove si trovava ricoverato.

E' quanto emerge dal sopralluogo svolto dal pm Laura Condemi, titolare dell'indagine avviata in Procura sulla morte dell'immunologo. Non sono state individuate tracce ematiche né sulla balaustra né sulle scale del reparto. Le pantofole di Aiuti erano sul pianerottolo da dove è caduto.

"Il Professore - recita un comunicato del Policlinico - era ricoverato presso il reparto di Medicina Generale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS per il trattamento di una grave cardiopatia ischemica da cui era da tempo affetto e che lo aveva già costretto ad altri ricoveri e a trattamenti anche invasivi. Più recentemente il quadro cardiologico si era aggravato evolvendo verso un franco scompenso cardiaco, in trattamento polifarmacologico. La morte è sopravvenuta per le complicanze immediate di un trauma da caduta dalla rampa delle scale adiacente il reparto di degenza".

Salì agli onori della cronaca nel 1991 quando baciò Rosaria Iardino, sieropositiva da otto anni, per dimostrare che l'Hiv non si poteva contrarre con un bacio.

CHI ERA

È stato immunologo di fama mondiale, conosciuto soprattutto per il suo contributo alla ricerca e alla sensibilizzazione nella lotta contro l’Aids. Era un punto di riferimento per la medicina e la scienza Fernando Aiuti, morto all’età di 83 anni al Policlinico Gemelli di Roma. Ma di Aiuti resta celebre una foto, che fece scalpore, scattata nel 1991, in cui baciava sulla bocca Rosaria Iardino, una donna sieropositiva, durante un congresso in cui si discuteva della possibilità che l’Aids si trasmettesse anche per via orale. Il contributo di Aiuti fu cruciale anche nel 1985, quando fondò l’Associazione per la lotta contro l’Aids (Anlaids), prima associazione italiana nata per fermare la diffusione del virus Hiv, di cui era presidente onorario. Aiuti è stato un ricercatore riconosciuto a livello internazionale, autore di oltre 600 pubblicazioni scientifiche. Nel 1992 è stato nominato dal capo dello Stato Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica.

Nato a Urbino nel 1935, Aiuti si era laureato in medicina nel 1961 alla Sapienza di Roma, dove poi assunse fino al 2007 il ruolo di professore ordinario di Medicina interna, direttore e docente della Scuola di Specializzazione in Allergologia e Immunologia clinica, e coordinatore del dottorato di ricerche in scienze delle terapie immunologiche. La sua carriera scientifica è documentata da oltre 600 pubblicazioni, delle quali 380 su riviste internazionali recensite da Pub Med (National Library of Medicine). Articoli citati centinaia di volte da numerosi ricercatori internazionali.

Nel 1991 la foto del bacio alla donna sieropositiva divenne un gesto simbolico: con questo gesto Aiuti voleva dimostrare che il virus dell’Hiv non si poteva trasmettere per via orale. In un'intervista raccontò che quel bacio dato alla donna sieropositiva "è servito a togliere dubbi a molte persone, ma non a tutti, visto che esistono ancora questi episodi di non conoscenza del problema”. Commentando la sua scomparsa, Rosaria Iardino, la donna del bacio, ha ricordato così l’immunologo: "La scomparsa di Fernando Aiuti mi addolora moltissimo. Ci sono uomini che per il valore che sanno apportare alla comunità scientifica e culturale dovrebbero godere dell'immortalità”, ha detto. “Di Fernando porterò con me per sempre il suo coraggio. Il nostro bacio altro non era che un grido e un richiamo al coraggio di parlare di Aids, di andare avanti con lo studio e con la ricerca, di informare e di curarsi”.

Aiuti ha portato contributi originali alla diagnosi e terapie di malattie come quelle da immunodeficienza primitiva, infettive, autoimmuni, reumatiche, e allergiche. Il professore ha condotto altre ricerche significative sulla vaccinazione contro il virus Hiv-1, la terapia dell'allergia alimentare, la descrizione e terapia di nuove forme di immunodeficienza primitiva, terapia della infezione da virus della epatite B e C, diagnosi e terapia della infezione da Hiv-Aids e alcuni tumori correlati alle immunodeficienze.

Il professor Aiuti è stato anche membro del Consiglio superiore di sanità (2005-06). Il suo impegno è stato diretto anche nei confronti della popolazione, con l'obiettivo di dare messaggi utili per evitare comportamenti a rischio causa di trasmissione di malattie infettive e veneree. Eletto nel 2008 come capolista del Pdl al Campidoglio, dal 2008 fino al 2013 è stato presidente della Commissione politiche sanitarie di Roma Capitale. Nel 2010 era stato nominato dal ministro dell'Istruzione professore emerito a vita dell'università Sapienza di Roma.

 

Search

« March 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Rubriche