Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Venerdì, 22 Novembre 2019
itenfrdees

Delitto Lidia Macchi: Corte d'Assise d'Appello di Milano riapre l'istruttoria nel processo di secondo grado a carico di Stefano Binda

Posted On Venerdì, 12 Luglio 2019 08:46
Lidia Macchi Lidia Macchi

La Corte d'Assise d'Appello di Milano ha deciso di riaprire l'istruttoria nel processo di secondo grado a carico di Stefano Binda, il 51enne già condannato all'ergastolo per l'omicidio di Lidia Macchi a Cittiglio, nel Varesotto, nel 1987. I giudici hanno accolto la richiesta della difesa dell'imputato di sentire Piergiorgio Vittorini, il penalista che disse di conoscere l'autore della lettera scritta dal presunto killer, e anche due consulenti grafologici.

Nella prossima udienza del 18 luglio verrà sentito l'avvocato Vittorini, il penalista bresciano al quale si sarebbe rivolto un uomo per dichiarare di essere il vero autore di 'In morte di un'amica', il testo inviato dal presunto killer alla famiglia della giovane il giorno dopo il delitto. Testo che, secondo gli inquirenti, sarebbe stato scritto appunto dall'imputato Stefano Binda.

Il legale, che era stato chiamato a testimoniare davanti alla Corte d'Assise di Varese, in primo grado si era avvalso del segreto professionale. Secondo l'avvocato Daniele Pizzi, che assiste i familiari della giovane che si sono costituiti parte civile, il teste Vittorini dovrà "venire in aula e dire chi è l'autore della lettera anonima". Sempre la prossima udienza verranno sentiti i due consulenti grafologici, uno dell'accusa e l'altro della difesa e non è escluso che la Corte d'Assise d'Appello, dopo il confronto tra i due periti, possa ordinare una nuova maxi perizia.

"Siamo molto contenti della riapertura dell'istruttoria, ci abbiamo puntato molto - ha detto Patrizia Esposito, difensore di Binda insieme al collega Sergio Martelli- ci fa piacere che la Corte abbia deciso così per ragioni di tipo tecnico, processuale".

 

 

Search

« November 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Rubriche