Tue10262021

Last update04:43:32

Ulti Clocks content
Back Cultura Un Libro per Amico R…ESTATE CON I LIBRI: UN POPOLO IN FUGA di Loredana Simonetti

R…ESTATE CON I LIBRI: UN POPOLO IN FUGA di Loredana Simonetti

  • PDF

Chi oggi assiste allo sbarco degli immigrati, criticando il fenomeno e giudicando disdicevole quel traffico di carne umana, deve ricordare che anche gli italiani hanno vissuto nello scorso secolo lo stesso problema, per cercare un po’ di fortuna nelle “Meriche”. Non era una colpa abbandonare le proprie famiglie, come non lo è per queste povere vittime di oggi, vittime della guerra e della fame, che traghettano le loro esistenze con gli scafi della morte, con la speranza di trovare un nuova vita sulle coste italiane. Non è una colpa, ma un grande dolore sì, partire e abbandonare ricordi, profumi, immagini, radici. Questo è il sentimento che accompagna il libro “Diritto di memoria” di Andrea Nicolussi Golo (Edizioni Biblioteca dell’Immagine, Aprile 2014, pp. 150, €14,00).

Una fuga senza ritorno, quella di Zeno, che conosce solo le montagne, e il mare lo vede per la prima volta quando s’imbarca per andare alla Merica. “Frammenti di casa a cui attaccarsi sino all’ultimo, di questa pasta sono fatti i pensieri del ragazzo.”.

Una nuova vita, di nuovi sacrifici e tanto lavoro, con un unico pensiero ricorrente: poter ritornare un giorno nel suo paese. La vita diventa, così, la continua attesa di una nuova alba, più prodiga di speranza del giorno prima.

Unico legame d’affetto familiare è la giovane Mene, sposata per procura, sorella della fidanzata di Zeno, morta precocemente: il vero amore tra i due si rivelerà soltanto quando torneranno nel loro paese d’origine e si sentiranno di nuovo a casa.

L’autore spesso di rivolge al lettore, come “chi oggi scrive”, perché nel riportare la memoria dei suoi personaggi, sente la necessità di corredare quei ricordi con alcune precisazioni storiche, ma anche con il suo stato d’animo, cogliendo con sensibilità lo stato emotivo e di disperazione dei personaggi.

“Chi oggi scrive, […] con gli anni ha imparato dal poeta che se un paese ti aspetta non puoi perderti, se un paese ti aspetta, può aspettare anche la disperazione.”.

Che dite? Posso prendere qualche giorno di vacanza per leggere un po’…? Allora auguro a tutti i miei lettori un buon ferragosto e una ricca scorpacciata… di libri, che - da non sottovalutare - hanno anche il pregio di non far ingrassare!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna