Menu

Gomorra, il più grande successo della storia della televisione italiana, venduto in più di cinquanta paesi, ha creato nuovi idoli soprattutto per i giovanissimi

Gomorra, il più grande successo della storia della televisione italiana, venduto in più di cinquanta paesi, ha creato nuovi idoli soprattutto per i giovanissimi

La serie Sky "Gomorra" ha avuto ed ha un successo clamoroso, venduto in oltre 50 paesi, ha rappresentato e rappresenta il più grande successo della storia della televisione italiana. Bravissimi attori, trame avvincenti e tutti gli ingredienti giusti per raggiungere il successo che ha poi meritato. Ma vi è da chiedersi anche se tale successo non rischia di creare dei miti, se il lavoro condotto mirabilmente da Roberto Saviano per far conoscere la criminalità campana nel mondo, così spettacolarizzata non si trasformi poi in un boomerang dove tanti giovani e non solo provenienti dai quartieri popolari sarebbero disposti a tutto pur di essere nella vita simili a Don Pietro Savastano, a Genny Savastano o a Ciro l'immortale.

Si rischia il ripetersi del mito de "Il Padrino" la cui colonna sonora ha fatto da sottofondo al famoso funerale romano dei Casamonica o del mito di "Scarface" la cui villa è stata ricostruita nella realtà da un noto ed importante boss della 'ndrangheta reggina. Per non parlare della serie "Romanzo Criminale" quando una notte nella villa Borghese di Roma sono apparse le statue in cartapesta degli idoli della banda della Magliana. Il dilemma si ripete, il male attira molto più del bene ed i film di mafia, di camorra, di 'ndrangheta, di cosa nostra americana, dei narcos colombiani fanno ed hanno sempre fatto molto più "cassetta" di qualsiasi altro filone cinematografico.

E' vero che la serie "Gomorra" dipinge bene la realtà di Scampia e la feroce realtà della Camorra dipinta magistralmente da Roberto Saviano ma la creazione del mito criminale è sempre stato e sempre sarà fautore di fascino, emulazione e attrazione. Un grande successo con un altrettanto grande dubbio. In quanti saranno i giovani di Scampia o di altri quartieri popolari di altre città che vorranno emulare le gesta di Don Pietro, Jenny e Ciro, pur sapendo che tali scelte spesso sono senza ritorno e che conducono a tre sole vie possibili, la morte, la galero o il pentimento.

Ma chi vive in un contesto di criminalità sogna al di sopra di tutto la gloria, il rispetto, l'incutere timore ed essere un capo. Elementi distintivi dei protagonisti di Gomorra, elementi affascinanti e diabolici ed essendo la Camorra l'organizzazione criminale con l'età media più bassa di tutte le altre ed essendo composta da giovanissimi il rischio del mito da emulare è francamente molto alto e da non sottovalutare.

Redazione

 

 

Share/Save/Bookmark back to top

"LA VOCE ROMANA"

Quotidiano on line di cultura, politica, attualità, sport
Iscritto al n. 10/2010 del 4 novembre 2011 del Registro Stampa del Tribunale di Cosenza
Copyright 2016 - Tutti i diritti riservati
Direttore Responsabile: Bonofiglio Francesco (detto Gianfranco)
Direzione e Redazione: Via G. Rossini, 37 - 87036 Rende (Cosenza) - Italia
L'autore del sito non è responsabile dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

Chi siamo | Politica dei Cookie | Editoriali | Note Legali | Pubblicità |Web Mail | Mappa del Sito |                                          La Voce Romana © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione