Sun06072020

Last update04:43:32

Ulti Clocks content
Back Roma

Roma

Mafia capitale, gli avvocati degli imputati denunciano ben 96 giornalisti per aver pubblicato stralci e verbali dell'inchiesta

  • PDF

Che il mestiere di giornalista sia sempre più complicato e sempre più a rischio e sempre meno tutelato non vi è dubbio alcuno ma ad una denuncia quasi di massa non si era finora mai giunti. Sono infatti ben 96 i giornalisti che hanno subito una denuncia per aver pubblicato stralci e verbali dell'inchiesta che tanto ha fatto discutere, l'inchiesta di Mafia Capitale. Ben 96 i giornalisti denunciati dagli avvocati della Camera Penale di Roma. Settantotto cronisti e 18 direttori, la maggior parte dei quali lavorano e vivono a Roma. "Una denuncia di tali proporzioni - afferma il sindacato dei cronisti romani - non si era mai verificata. E' un primato anche fra tutte le democrazie del mondo. I cronisti sono stati denunciati, in blocco. Ci sono grandi firme e interi servizi di cronaca giudiziaria dei quotidiani romani destinatari di questo esposto con la quale si vuole perseguire i giornalisti davanti ai Consigli di disciplina dell'Ordine professionale".

Campidoglio, totocandidati, Virginia Raggi potrebbe essere la candidata a sindaco del Movimento 5 Stelle

  • PDF

In molti la danno quale probabile vincente dell'esito del voto che sarà effettuato in rete dagli iscritti del Movimento 5 Stelle per decidere chi candidare a Sindaco di Roma. Potrebbe essere la più votata e potrebbe anche essere la prima donna che compete con buone probabilità a divenire Sindaco di Roma. In una recente intervista il senatore Nicola Morra, uno di leader del Movimento, auspicava un sindaco giovane e donna. In molti hanno letto in tale dichiarazione il nome di Virginia Raggi, avvocato e consigliere comunale uscente con altri tre consiglieri eletti nella lista del Movimento % stelle nell'ultima competizione elettorale capitolina. accertata l'impossibilità per chi ricopre incarichi nazionali di potersi candidare e sfumata l'idea di attingere dalla cosiddetta società civile le quotazioni di Virgina Raggi appaiono in forte crescita; Per i quotidiani nazionali è la più probabile.

Già febbre alta per le amministrative, la politica in fermento per le liste e per i candidati a sindaco

  • PDF

I partiti si stanno interrogando su chi candidare a Sindaco e vi è già chi è pronto a lavorare per costruire le liste e trovare i candidati che possano coprire il più possibile tutti i quartieri romani. Già tante le liste e fra le varie liste vi sarà anche la lista civica "La Voce Romana" che porterà il nome dell'associazione che da tempo si interessa dei problemi della Capitale. Per il centrosinistra sembrano più che probabili le primarie. E fra i possibili candidati delle primarie del centrosinistra circolano i nomi di Roberto Giachetti, vicepresidente della Camera e fra i fondatori della Margherita, inoltre circola anche il nome di Mauro Moretti, manager di Finmeccanica, la giornalista Federica Angeli. Si vocifera anche della Ministra Marianna Maida ma sembra essere molto improbabile che una Ministra Renziana possa partecipare alle primarie.

Fra i papabili candidati a Sindaco di Roma anche l'eurodeputato dell'Ncd, Alfredo Antoniozzi, benvoluto anche in Vaticano

  • PDF

Anche il nome di Alfredo Antoniozzi a pieno titolo fra i totocandidati a Sindaco di Roma. Alfredo Antoniozzi, nato a Cosenza nel 1956 ma romano d'adozione è figlio di Dario Antoniozzi, Ministro della Democrazia Cristiana è può vantare un vasto e prestigioso curriculum - vitae politico. Fra l'altro, e potrebbe essere il classico asso nella manica, Antoniozzi è molto benvoluto negli ambienti che contano in Vaticano. Non è passata inosservata la sua visita a casa di Monsignor Rino Fisichella, regista del prossimo Giubileo. Alfredo Antoniozzi è stato coordinatore provinciale di Forza italia. Al Parlamento Europeo del 2004, all'inizio con Berlusconi ed oggi nel partito di Angelino Alfano, Alfredo Antoniozzi è stato anche assessore nella giunta Alemanno.

I Palazzi del Potere, spaccatura all'interno del Nuovo Centro Destra di Alfano, Quagliariello lascia ed in tanti potrebbero seguirlo

  • PDF

La vicenda politica del Nuovo Centro Destra, partito nato dalla scissione di Angelino Alfano da Silvio Berlusconi sembra volgere verso l'epilogo finale. Infatti sembrano giungere i nodi al pettine considerando l'ambiguità di un partito che nel suo stesso nome porta la sua identità di destra ma che è nei fatti sempre più appiattito verso Renzi e la sinistra con un progressivo indebolimento ed una sempre minore considerazione da parte dell'alleato Pd che ha sempre sofferto di tale anomala alleanza. Infatti il coordinatore nazionale del partito di Alfano che ha lasciato l'incarico, Gaetano Quagliariello, rimprovera all'Ncd alfaniano una posizzione eccessivamente a rimorchio del Pd. lo stesso Quagliariello ritiene assolta la funzione dell'Ncd quale partecipe all'approvazione della riforma al Senato ed ha chiesto ad Alfano di lasciare il Governo.

Nonostante le dimissioni di Marino i Municipi rimangono al loro posto

  • PDF

In molti si chiedono se alle dimissioni di Marino conseguenzialmente devono essere sciolti e commissariati anche i Municipi della città. A rispondere a tale quesito il presidente del XV municipio e coordinatore degli stessi, Daniele Torquati. “Come si era impegnato a fere nei giorni scorsi, il sindaco Ignazio Marino ha chiesto al Segretario Generale del Campidoglio, Serafina Buarnè, un parere sulla questione della decadenza o meno dei presidenti dei municipi in presenza delle dimissioni del sindaco.