Fri08072020

Last update04:43:32

Ulti Clocks content
Back Roma Roma Capitale, il Sindaco Gianni Alemanno esulta

Roma Capitale, il Sindaco Gianni Alemanno esulta

  • PDF

Il primo atto del Governo Monti. Il decreto per Roma Capitale prevede una serie di misure di estrema importanza e concede a Roma la competenza di settori come il commercio, i trasporti, l'edilizia e la pianificazione urbana. Il decreto prevede che l'assemblea comunale sarà di 48 consiglieri. I Municipi da 19 saranno ridotti a 15. Con l'approvazione del secondo decreto legislativo su Roma Capitale, approvato nell'ultimo giorno utile, il decreto dovrà essere vagliato dalle commissioni Bilancio di Camera e Senato e delle Conferenze Stato-Regioni e Stato-Città, per i pareri previsti, quindi, entro 90 giorni, dovrà ritornare  al Consiglio dei Ministri per la definitiva l'approvazione.

Il secondo decreto determina i poteri e le funzioni che vengono trasferiti dallo Stato a Roma Capitale. Fra queste il concorso alla valorizzazione dei beni storici, artistici, ambientali e fluviali in accordo con i competenti dicasteri. Inoltre, anche la definizione di procedure condivise con Stato e Regione per le sanzioni e la repressione degli abusi edilizi su beni vincolati, ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio e la catalogazione dei beni culturali presenti sul territorio romano, in concorso con Ministero, Regione e altri enti preposti. Passano infine a Roma Capitale le competenze finora governative sul Teatro dell’Opera.

Anche sull'ambiente Roma Capitale acquisisce nuove ed importanti competenze, infatti concorre a definire le politiche per la tutela del paesaggio e gli indirizzi di tutela, pianificazione e recupero e partecipa all’attività di vigilanza sui beni paesaggistici. Interessanti anche i nuovi poteri che Roma Capitale potrà esercitare sullo sviluppo economico  con il settore produttivo e turistico. Potrà coordinare i tempi di svolgimento delle fiere nazionali e internazionali sul proprio territorio; istituisce e gestisce gli uffici di rappresentanza e promozione turistica all’estero, senza nuovi oneri per la finanza pubblica. Sempre in tema di turismo, il decreto prevede un’apposita sezione “per la valorizzazione e lo sviluppo del sistema turistico di Roma capitale”, le cui linee guida sono attuate dal Sindaco “d’intesa con il Ministro per il turismo e lo sport e le competenti amministrazioni dello Stato e delle Regioni”.

Ampia autonomia, infine, viene attribuita dal decreto in tema di organizzazione della macchina amministrativa e del personale. ed il sindaco Alemanno convocherà per i primi giorni di dicembre l'Assemblea Capitolina per riferire in dettaglio i contenuti del decreto. "Un giorno da incorniciare" per il Sindaco Alemanno. "Siamo tutti contenti. Questo governo comincia bene", ha asserito il Presidente della Regione Lazio, Renata Polverini. "Roma potrà finalmente ottenere lo status di Capitale nazionale - ha commentato il Primo Cittadino Alemanno - , un successo trasversale, si sente che la Lega non è più al Governo". Una frecciata alla Lega di Bossi, considerando che il rapporto fra il Sindaco Alemanno e gli uomini di Bossi certamente non è mai stato idilliaco.

Redazione 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna