Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 16 Dicembre 2018
itenfrdees

Morto Sandro Mayer, il giornalista aveva 77 anni

Posted On Sabato, 01 Dicembre 2018 10:16
Sandro Mayer Sandro Mayer

"Vivevo a Napoli e mi sono formato ascoltando la gente dei bassi, mescolati ai discordi dell’aristocrazia partenopea. Poi ci trasferimmo a Milano e vinsi un posto fisso in Fiat ma non ci andai mai e partii per Londra, dove ho fatto il cameriere per imparare l’inglese". Da lì è arrivato al giornalismo, direttore per vent’anni del settimanale Gente e dal 2004 direttore delle testate di Cairo Editore, Dipiù e Dipiù Tv. Sandro Mayer - nato a Piacenza 77 anni fa - è morto nella notte di ieri, all’ospedale San Raffaele di Milano.

Laureato in Scienze Politiche, Sandro Mayer ha iniziato a lavorare come traduttore, poi si è dedicato al giornalismo. Direttore prima di Novella 2000, poi di Epoca (nel 1981), arrivò alla guida di Gente nel 1983. Dopo un’esperienza ventennale nel settimanale, passò a Cairo Editore, prendendo le redini anche di Dipiù e Dipiù Tv. Mayer è stato un volto popolare per milioni di spettatori, spesso chiamato come opinionista o giudice in diversi programmi televisivi, sia Mediaset, sia Rai, da Domenica In e Buona Domenica a Ballando con le stelle. Ora l’affetto e la sorpresa per la sua scomparsa corre sui social, tra tributi e omaggi: "Ha cambiato il mestiere di giornalista".

La sua forza era la capacità di mescolare l’alto e il basso, formula sempre buona per avere un’ampia platea. Ha visto sfilare e cambiare un mondo di celebrità, come ricordava in un’intervista di qualche tempo fa a F: "Un tempo erano molto più disponibili a parlare di sé. Avevano capito che gli conveniva: se entri nel cuore della gente e permetti che i giornali facciano di te un personaggio, la tua carriera si rafforza e puoi superare il fallimento di un film, che prima o poi capita a tutti".

Nella sua carriera ha intervistato anche politici nient’affatto banali come Gheddafi, Indira Gandhi, Ronald Reagan: "Ero andato a Los Angeles per alcuni divi del cinema e si parlava solo di Reagan, un attore che stava per diventare presidente degli Stati Uniti. Comprai un biglietto sul suo stesso volo, ma quando fummo a bordo lui era nelle prime file con il suo staff, io ovviamente in ultima. Mi venne l’idea di chiedere di passare per andare alla toilette e fece il gesto di farmi passare. E io: “Sono qui per intervistare lei”. Lui senza battere ciglio disse: “Come on my friend” e mi fece sedere vicino a lui. Parlammo per il resto del viaggio".

Il record di copie vendute lo ebbe con Gente: "Edwige Fenech in costume da bagno, un milione e mezzo di copie. Ero convinto che a vendere fosse stata la sua bellezza, invece il distributore mi disse che era stata la dieta di Rosanna Lambertucci". Era anche un romantico, tornando alla sua esperienza inglese, raccontava: "La mancia più ambita, mezza corona, me la lasciò una ragazza italiana che studiava a Cambridge. Quella moneta la conservo ancora e lei è diventata mia moglie".

 

 

Share/Save/Bookmark
« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Rubriche