Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 16 Dicembre 2018
itenfrdees

Caso Piero Marrazzo: condannati 4 carabinieri per il video con Natalie, la vicenda risale al 3 luglio 2009

Posted On Giovedì, 29 Novembre 2018 10:30
Piero Marrazzo Piero Marrazzo

Tutti condannati i quattro carabinieri coinvolti nel caso Marrazzo. La vicenda risale al 3 luglio del 2009 quando gli imputati entrarono in un appartamento di via Gradoli dove sorpresero l’allora governatore del Lazio, Piero Marrazzo,in camicia e mutande, in compagnia della trans «Natalie», e girarono un video che poi usarono per ricattarlo. I giudici della nona sezione del Tribunale di Roma, hanno inflitto dieci anni di reclusione (più una multa di 50 mila euro a testa) a Nicola Testini e Carlo Tagliente, sei anni e 6 mesi a Luciano Simeone e 3 anni a Antonio Tamburrino. Prescritte invece le accuse per il transessuale Natalie.

Agli imputati Testini, Tagliente e Simeone sono stati contestati, i reati di concussione, per aver costretto Marrazzo (che in seguito allo scandalo si dimise) a consegnargli tre assegni per un importo complessivo di 20 mila euro, violazione della legge sugli stupefacenti, ricettazione, rapina ai danni di un altro trans, a cui sottrassero cellulare, Ipod e orologio.

"Piero Marrazzo ha atteso nove anni questa pronuncia che accogliamo con soddisfazione" dichiara il legale dell’ex presidente della Regione Lazio, l’avvocato Luca Petrucci. "La sentenza riconosce in pieno la colpevolezza degli imputati che, disonorando la propria divisa, si sono resi responsabili di un ignobile sopruso e di un vile ricatto criminale. Da giornalista del servizio pubblico e, soprattutto, da cittadino perbene, Piero Marrazzo tiene a ribadire la propria massima considerazione nell’Arma dei carabinieri che è, insieme a lui, la vittima principale dei crimini commessi da questo manipolo di mele marce".

 

 

Share/Save/Bookmark
« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Rubriche