Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 16 Dicembre 2018
itenfrdees

Brexit, Tusk: 'Ok dei 27 all'accordo di divorzio'. May scrive alla nazione

Posted On Domenica, 25 Novembre 2018 12:01
Jean Claude Juncker abbraccia Michel Barnier al vertice di Bruxelles sulla Brexit Jean Claude Juncker abbraccia Michel Barnier al vertice di Bruxelles sulla Brexit

"I 27 leader Ue hanno dato il via libera politico all'Accordo di divorzio" dal Regno Unito "e alla Dichiarazione politica congiunta" sulle relazioni future, lo ha fatto sapere il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. I 27 leader Ue hanno adottato il testo di conclusioni del vertice sulla Brexit, in cui si invitano "Commissione, Parlamento europeo e Consiglio, a fare i passi necessari per garantire che l'accordo possa entrare in vigore il 30 marzo 2019, in modo da assicurare un recesso ordinato" del Regno Unito. Si legge sull'account Twitter di Preben Aamann, portavoce del presidente del Consiglio europeo Donald Tusk.

"Ora è giunto il momento che ognuno si assuma le sue responsabilità", in quanto "questo accordo" di divorzio "è il passo necessario per costruire la fiducia tra l'Ue e la Gran Bretagna per costruire i prossimi passi". Così il capo negoziatore Ue Michel Barnier all'arrivo al vertice straordinario sulla Brexit. "Resteremo partner, alleati e amici" con Londra, ha concluso, ricordando di aver "sempre negoziato con e non contro la Gran Bretagna". Barnier ha quindi ringraziato i team di negoziatori, i 27 e l'Europarlamento.

"Se fossi un parlamentare britannico, voterei a favore dell'accordo" sulla Brexit perché "è il migliore possibile per la Gran Bretagna", in quanto "l'Ue non cambierà le sue posizioni fondamentali". Così il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker al suo arrivo al vertice sulla Brexit. "Oggi è un giorno triste, vedere un Paese come la Gran Bretagna abbandonare l'Ue non è un momento di giubilo ma una tragedia", ha sottolineato Juncker.

Intanto in una "lettera alla Nazione" pubblicata in vista del vertice Ue, la premier britannica Theresa May chiede il sostegno del suo popolo al suo accordo con l'Unione europea sulla Brexit, affermando che si tratta di un'intesa che permetterà al Regno Unito un "più luminoso futuro", come riferisce Bbc News online.

Quando il prossimo anno la Gran Bretagna lascerà l'Unione, scrive la premier, il Paese vivrà "un momento di rinnovamento e riconciliazione" e l'inizio di "un nuovo capitolo nella nostra vita nazionale". Un momento, continua la premier, che "deve segnare il punto in cui mettiamo da parte per sempre le etichette di 'uscire' e 'rimanere', e torniamo ad essere di nuovo un solo popolo".

Ma "per fare questo - sottolinea Theresa May - abbiamo bisogno di andare avanti con la Brexit ora, sostenendo questo accordo". "Con la Brexit conclusa", sottolinea inoltre la premier, il governo sarà poi in grado di concentrarsi su questioni come l'economia, il sistema sanitario nazionale e la costruzione di case.

 

 

 

Share/Save/Bookmark
« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Rubriche